• Una pagella di sostenibilità per i centri commerciali

    Il Piemonte sarà una delle prime regioni italiane ad avere nuovi centri commerciali sostenibili sotto il profilo ambientale grazie a una nuova delibera della giunta che impone alle nuove strutture di vendita non solo una riduzione dei consumi energetici ma anche un contenimento dell’impatto ambientale in base alle esigenze di tutela del territorio piemontese.
    Un modello di sviluppo economico e territoriale che è stato al centro del convegno organizzato giovedì 12 dicembre dall’Environment Park e a cui hanno partecipato i più importanti player italiani della grande distribuzione come Coop, Bennet, Il Gigante e Alberto Bertone, amministratore delegato dell’Acqua Sant’Anna, una delle realtà più innovative del settore.
    Si è trattato del primo incontro sul tema della sostenibilità dei centri commerciali che infatti ha richiamato una consistente platea di professionisti ed esperti del comparto della grande distribuzione.
    Come metodo di valutazione energetico-ambientale degli edifici commerciali di grosse dimensioni la Regione Piemonte ha adottato il Protocollo Itaca, un sistema di valutazione delle costruzioni sviluppato dall’Associazione Federale delle Regioni e Provincie Autonome Italiane, e applicato in misure pubbliche di incentivazione e sostegno alle costruzioni come i piani casa e i contratti di quartiere. A oggi sono stati quasi 10.000 gli alloggi ammessi a finanziamento e verificati con Itaca di cui quasi 3.000 da Environment Park.
    <<Il contenimento dei consumi energetici nei centri commerciali sarà in grado di favorire un modello di sviluppo economico e territoriale sostenibile sotto il profilo ambientale – spiega l’amministratore delegato di Environment Park Fabio Massimo Grimaldi – In questo ambito, EnviPark si propone alle grandi catene di distribuzione con un servizio di assistenza alla progettazione nell’ottica dell’ottimizzazione dei consumi energetici e nell’applicazione del Protocollo Itaca. I servizi di EnviPark non si limitano alla sola valutazione energetica dell’edificio commerciale ma si allargano, grazie alle competenze del settore che opera sulla valorizzazione delle biomasse, anche alla gestione intelligente del ciclo dei rifiuti organici prodotti ogni giorno da queste grandi catene>>. All’incontro ha partecipato anche Silvana Accossato, sindaco di Collegno, una delle prime realtà insieme a Torino ad avere sul suo territorio un edificio commerciale di grandi dimensioni che sarà soggetto alla valutazione energetica ed ambientale prevista dalla nuova delibera regionale.
    Guarda la fotogallery