• Per la prima volta in Italia 4 Poli Tunisini super tecnologici

    Environment Park in collaborazione con Confindustria Assafrica & Mediterraneo e il Ministero dell’Industria e del Commercio della Tunisia ha organizzato la Conferenza Internazionale “Partenariati ed Investimenti per uno sviluppo industriale integrato Italo-Tunisino”, svolta il 25 maggio in Confindustria a Roma.                    Obiettivo dell’incontro, presentare alle imprese italiane i quattro Poli di competitività tunisini, altamente innovativi e tecnologici, di Bizerte (agroalimentare), Gabes (chimica fine, ambiente, energie rinnovabili ed altri), Monastir (tessile e abbigliamento), Sousse (meccatronica) che, attraverso le imprese che ne fanno parte, sono in grado di favorire e consolidare collaborazioni industriali e commerciali tra aziende italiane e tunisine per attività destinate ai mercati dei due Paesi, del Mediterraneo e dell’intera area subsahariana. Creati dal Governo tunisino nell’ambito della strategia di sviluppo industriale 2016-2020, i Poli offrono spazi di insediamento forniti di attrezzature di elevata qualità tecnologica, insieme a servizi di supporto alle imprese, dedicati allo sviluppo di attività commerciali e industriali sia nazionali sia estere.  
    Nel corso dell’evento, organizzato nell’ambito del progetto di Cooperazione Italo-Tunisino “Sostegno ai Poli Tunisini”, finanziato dalla Cooperazione Italiana allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri, sono stati presentati anche i programmi di sostegno per il settore privato, che stanziano oltre 9 milioni di euro.

    Appui aux Poles Tunisiens è un progetto triennale finanziato dalla Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri nell’ambito del protocollo di accordo intergovernativo di “Sostegno al settore privato tunisino”. L’obiettivo è di fornire assistenza tecnica da parte dei Poli Tecnologici italiani agli omologhi tunisini dei settori agroalimentare (Polo di Bizerte), meccanica e meccatronica (Polo di Sousse), chimico (Polo di Gabes) e tessile (Polo di Monastir). Il programma di cooperazione italiana, finanziato dal MAE, mette a disposizione di questi quattro poli le competenze di Environemnt Park nella gestione di centri di innovazione a favore dello sviluppo dei Poli Tunisini. Environment Park è il capofila di una ATI con Bioindustry Park. Arthur D Little Italia e Tema Consulting (Tunisia), grazie anche alle esperienze già acquisite a livello nazionale ed internazionale nei progetti di parchi tecnologici in Bosnia, Serbia, Marocco, Albania e Palestina.

     Per approfondire, leggi il comunicato stampa.