• OIKOS la cassetta sostenibile che abbatte i rifiuti della filiera agroalimentare

  • Arriva OIKOS, cassetta riutilizzabile per il mercato ortofrutticolo

  • ARRIVA OIKOS, LA CASSETTA RIUTILIZZABILE PER IL MERCATO ORTOFRUTTICOLO

    Vincitore dell’ultimo Climathon nella sezione “business”, prende ufficialmente il via presso il CAAT di Grugliasco, alle porte di Torino, il nuovo progetto di economia circolare per abbattere la produzione di rifiuti nella filiera agroalimentare.

    Oikos è il nuovo progetto che prevede l’introduzione di cassette riutilizzabili all’interno della filiera agroalimentare, con l’obiettivo di abbattere la produzione di rifiuti dovuti agli imballi “a perdere” dell’ortofrutta (cartone, legno o plastica). Un fenomeno stimato annualmente intorno a circa 55 mila tonnellate di rifiuti per la Regione Piemonte, di cui circa 15 mila per la sola città di Torino.

    Ad idearlo è stata Oikos – Servizi, la societĂ  torinese vincitrice del Climathon 2016 nella sezione business, la maratona mondiale di 24 ore sul clima organizzata dal Comune di Torino e dall’Environment Park di Torino lo scorso ottobre.  â€śAbbiamo dato il via a un processo virtuoso che rende concreta l’applicazione dei concetti di economia circolare e contribuisce in modo importante alla tutela dell’ambiente – spiega Alberto Lucchese, amministratore delegato Oikos – Grazie al circuito creato si va oltre i concetti di raccolta differenziata, recupero e riciclaggio e, soprattutto, si evita direttamente la creazione del rifiuto. Il CAAT vuole essere la rampa di lancio per rendere replicabile questo modello in altre cittĂ  italiane e internazionali”.

    Il sistema Oikos è semplice quanto ingegnoso: creare un circolo virtuoso e sostenibile tra produttori ortofrutticoli, grossisti e commercianti/ambulanti attraverso l’utilizzo di un nuovo tipo di cassetta realizzata in polipropilene vergine: più resistente, più pregiata, comoda da trasportare (grazie alle sponde abbattibili che la fanno passare da 20 a 3 centimetri), durevole nel tempo (fino a 7-8 anni) e, soprattutto, riutilizzabile.

    Il progetto ha preso il via ufficialmente presso il CAAT (Centro Agro Alimentare di Torino) di Grugliasco e ha coinvolto, in questa prima fase, 4 grossisti e circa 50 tra ambulanti e commercianti per testare le procedure, il sistema informatico e le attività di deposito. Nelle prime due settimane di attività sono già state “movimentate” 800 cassette con 2 grossisti e 3 produttori ortofrutticoli e in breve tempo l’intero sistema entrerà a regime

    “Oikos – sottolinea Davide Canavesio, amministratore delegato di Environment Park – è un esempio concreto di come le aziende possono sviluppare nuove opportunitĂ  di business, puntando sull’innovazione della sostenibilitĂ  ambientale e sfruttando le opportunitĂ  generate dall’ecosistema adatto, come quello creato da Environment Park”.

    I passaggi fondamentali del circuito Oikos sono tre:

    1. il produttore ortofrutticolo consegna al grossista, di base al CAAT, la merce suddivisa nelle cassette riutilizzabili precedentemente noleggiate da Oikos;
    2. Il grossista vende all’ ambulante o al commerciante la merce e comunica ad Oikos il numero di imballi consegnati;
    3. a fine giornata, quando torna al CAAT per acquistare le merci per il giorno successivo, l’ambulante o il commerciante riconsegnano al deposito Oikos le cassette vuote, che saranno riaffittate al produttore ortofrutticolo e il circolo virtuoso ricomincia.

    Gli obiettivi di lungo periodo sono ambiziosi: movimentare circa 4 milioni di colli nel 2018, e superare i 10 milioni nel 2019 fino a raggiungere, nel giro di quattro anni, 50 milioni di colli, la metĂ  circa dei 100 milioni che annualmente transitano al CAAT.

     

  • La Regione finanzia progetti “Smart”

  • Fondi per le aziende Smart e Green

  • Partnership per progetti di eco-innovazione ed efficienza

  • Bandi MIUR: progetti di ricerca e sviluppo in 12 aree

    E’ stato pubblicato  sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’UniversitĂ  e della Ricerca il testo relativo ai Bandi MIUR sulle modalitĂ  di presentazione dei progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle 12 aree di specializzazione del PNR 2015-2020.

    Obiettivo del bando è quello di creare e stimolare un ecosistema favorevole allo sviluppo “bottom up” di progetti rilevanti attraverso forme di Partenariato pubblico-privato che integrino, colleghino e valorizzino le conoscenze in materia di ricerca e innovazione.

    Per ulteriori informazioni, si invita a consultare il testo del documento sul sito del Ministero

  • Verso un modello di economia circolare per l’Italia

    Avviata la consultazione pubblica del documento  del MISE “Verso un modello di economia circolare per l’Italia” che ha l’obiettivo di fornire un inquadramento generale dell’economia circolare nonchĂ© di definire il posizionamento strategico del nostro Paese sul tema, in continuitĂ  con gli impegni adottati nell’ambito dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile, in sede G7 e nell’Unione Europea. Per la consultazione del documento si rimanda alla pagina dedicata alla consultazione e per maggiori informazioni sull’iniziativa è disponibile il comunicato stampa del MISE.

  • Call for Industry 4.0 Startups – Startup Initiative di Intesa Sanpaolo e Cisco

    Cisco e Intesa Sanpaolo cercano nuove Startup Tecnologiche per un’edizione dedicata all’industry 4.0 del Programma Di Accelerazione. I principali ambiti di applicazione sono:

    • Digital factory
    • Industrial safety and security
    • Asset tracking and management
    • Industrial collaboration
    • Industrial augmented/virtual reality
    • Connected machines/products
    • Integrated supply chain

    Le start up interessate a partecipare hanno tempo fino al 30 luglio 2017 per presentare il loro business plan o un executive summary del loro progetto. Per maggiori informazioni e per consultare il  sito dedicato

  • Bando regionale Efficienza energetica ed energia rinnovabile nelle imprese

    Sono in campo nuove risorse e aggiornamenti sul bando regionale efficienza energetica ed energia rinnovabile nelle imprese: la Regione Piemonte ha incrementato la dotazione finanziaria iniziale, di 50 milioni di euro, per la Misura, integrando la dotazione con 16 milioni di euro. Le risorse verranno utilizzate per finanziare i progetti in lista di attesa ed eventuali nuove domande presentate.

    Pubblicati anche lo Schema di relazione tecnica finale, il modello di Certificato di regolare esecuzione e le linee guida per la certificazione sul bando POR FESR 14/20 Asse IV Azione IV.4b.2.1 Efficienza energetica ed energia rinnovabile nelle imprese.

    Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina di Finpiemonte dedicata alla misura

  • ENEA con Environment Park per progetti di eco-innovazione ed efficienza

    Realizzare progetti e iniziative congiunte nel campo della ricerca, dell’innovazione, dell’assistenza tecnica e della formazione in settori di comune interesse, con particolare riferimento ai temi dell’energia, dell’ambiente e dell’efficienza energetica negli usi finali.
    E’ questo il principale obiettivo del protocollo d’intesa firmato il 20 luglio a Roma dai Presidenti dell’ENEA, Federico Testa, e di Environment Park, Mauro Chianale.
    L’accordo fra l’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile ed Environment Park, avrà durata triennale e apre la strada a molteplici attività.
    Fra queste, in particolare, la partecipazione a programmi di ricerca regionali, nazionali ed internazionali; lo sviluppo di collaborazioni tecnico scientifiche; la progettazione e organizzazione di iniziative di carattere tecnico-professionale e l’erogazione di percorsi formativi per tecnici del settore.

  • Corsi di Formazione professionale “L’Ingegneria di Manutenzione come supporto all’efficienza in ambito industriale”

    RAMS&E, azienda insediata ad Environment Park e aderente al Polo Clever propone  un corso di formazione  per Professionisti ed Aziende che si tiene il 12 e il 13 luglio 2017

    Il modulo presenta i concetti di base e introduce in modo generale le principali tecniche dell’Ingegneria di Manutenzione, inquadrandola come possibile mezzo per migliorare l’efficienza e ridurre i costi in contesti aziendali caratterizzati dall’utilizzo significativo di asset fisici (macchinari, impianti etc.).

    Il corso è accreditato presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino. La partecipazione all’evento consente il riconoscimento di 15 CFP.

    Per informazioni sulle modalitĂ  d’iscrizione: sito www.ramse.it  –Tel 011 225 8621 -Email formazione@ramse.it

  • Attrazione di investimenti in Piemonte: online le schede di Misura

    La Regione Piemonte, con la D.G.R. n. 19-5197 del 19 giugno 2017, ha approvato le due schede di Misura relative al POR FESR 2014/2020 Azione III.3c.1.2. “Attrazione di investimenti mediante sostegno finanziario, in grado di assicurare una ricaduta sulle PMI a livello territoriale”, che prevedono l’erogazione di incentivi per la realizzazione di nuovi impianti di produzione di beni o servizi, centri direzionali, centri di ricerca e sviluppo che generino nuova occupazione e progetti di ricerca e sviluppo preordinati o connessi all’insediamento stesso.

    Possono accedere agli incentivi, che consistono in un finanziamento agevolato combinato con un contribuito a fondo perduto, commisurato all’occupazione creata, i seguenti beneficiari:

    • PMI non ancora attive in Piemonte, che intendono realizzare un investimento in Piemonte;
    • PMI piemontesi che hanno delocalizzato la produzione all’estero ma che intendono reinsediasi sul territorio regionale;
    • PMI giĂ  presenti in Piemonte che intendono realizzare un investimento funzionalmente diverso da quello esistente.

    I due bandi e la relativa modulistica verranno pubblicati nella pagina dedicata all’agevolazionenon appena approvati dalla Regione Piemonte.